Forze meccaniche fra correnti Archivi - Garkonda

Caratteristica dei circuiti magnetici in parallelo

Nel circuito magnetico di fig. 4.14 il flusso si suddivide nei due tronchi in parallelo, indicati con 1 e 2, dei quali sono note le caratteristiche, riportate nelle figure a) e b). Il tronco 2 è composto a sua volta da più parti in serie, e ne viene data la caratteristica totale, la quale, a causa dell’ampio traferro, presenta un ginocchio poco pronunciato.

Read moreCaratteristica dei circuiti magnetici in parallelo

Caratteristica dei circuiti magnetici in serie

Raramente un circuito magnetico è omogeneo come quello visto al paragrafo precedente; molto più spesso i circuiti magnetici sono composti da più tronchi diversi nelle dimensioni e nei materiali di cui sono costituiti.

Read moreCaratteristica dei circuiti magnetici in serie

Calcolo dei circuiti magnetici

Prendiamo ancora in esame il circuito magnetico toroidale omogeneo illustrato in fig. 4.2 illustrato nell’articolo caratteristica di magnetizzazione; il materiale che ne costituisce il nucleo presenta la caratteristica H-B riportata in fig. 4.10 a).

Read moreCalcolo dei circuiti magnetici

Diversi tipi di materiali magnetici

I diversi materiali presentano cicli di isteresi differenti, ma sempre chiusi e simmetrici se si adottano valori simmetrici di Hmax; in particolare (fig. 4.5) si distinguono materiali magnetici dolci (a) caratterizzati da cicli stretti: il valore di Br può essere elevato, ma il valore di Hc, è sempre molto basso ed il materiale si smagnetizza facilmente; tali sono i metalli ferromagnetici puri (ferro con basso tenore di carbonio, nichel, cobalto), alcune leghe appositamente realizzate (ad esempio mumetal, permalloy) e le ferriti dolci (ossidi di metalli ferromagnetici).

Read moreDiversi tipi di materiali magnetici

Caratteristica di magnetizzazione

Il valore di μ nei materiali magnetici non è costante, ma varia in funzione del livello di induzione B a cui si trova il materiale. La caratteristica B-H non è perciò lineare.

Read moreCaratteristica di magnetizzazione

Materiali ferromagnetici

Consideriamo il solenoide di fig. 4.1, curvato in modo da formare un anello o toro; la lunghezza l del solenoide viene a coincidere con la lunghezza dell’asse indicato in figura con tratto e punto. Abbiamo già visto nell’articolo Solenoide che l’induzione all’esterno è praticamente nulla, mentre all’interno del solenoide vale:

Read moreMateriali ferromagnetici

Calcolo dell’induttanza di un solenoide

Consideriamo un solenoide avente lunghezza l, diametro d piccolo rispetto a l, e numero di spire N. La sua sezione trasversale ha area S data dall’espressione

Read moreCalcolo dell’induttanza di un solenoide

Energia immagazinata nel campo magnetico

Il circuito di fig. 3.13 a), di resistenza trascurabile, ha induttanza L (qualsiasi circuito presenta sempre un certo valore di induttanza, poiché la corrente genera sempre un campo magnetico).

Read moreEnergia immagazinata nel campo magnetico

Autoinduttanza

Un circuito chiuso percorso da corrente genera un campo magnetico; variazioni di corrente producono variazioni di flusso che possono indurre tensioni in altri circuiti, ma soprattutto inducono tensione nel circuito stesso.

Read moreAutoinduttanza

Tensione indotta in una bobina senza movimento meccanico – Mutua induttanza

Negli articoli precedenti sono state considerate variazioni di flusso concatenato dovute a variazioni della geometria della spira, oppure a movimenti relativi fra bobine e campi magnetici.

Read moreTensione indotta in una bobina senza movimento meccanico – Mutua induttanza