Antartide – Voragine grande quanto la “Scozia”

E’ grande quanto un quarto d’Italia e proprio come la Scozia, si tratta di un “buco” grande ben 80 mila chilometri quadrati. Si tratta per la precisione della polinia, ovvero un’area completamente libera da ghiacci nel Mare di Weddell che in genere è completamente ricoperto dal ghiaccio.

Le immagini dai satelliti del Noaa e della Nasa mostrano una interruzione del ghiaccio – grande un quarto d’Italia – creata dalle correnti oceaniche: i flussi marini spingono l’acqua calda verso la superficie, favorendo quindi la fusione dello strato di ghiaccio che ricopre il mare. Insomma, un cambio di temperatura sottostante ha fatto sciogliere il ghiaccio, creando quindi un lago.


La polinia è una vecchia conoscenza: è stata osservata nel Mare di Wedell per la prima volta negli Anni 70 e poi nuovamente lo scorso anno. Ma a preoccupare sono in particolare le dimensioni del nuovo lago, che risulterebbe molto più esteso di quello del 2016, ma comunque distante diverse centinaia di chilometri dal bordo del ghiaccio marino.

Questo suggerisce agli esperti che il fenomeno sia riconducibile in qualche modo al riscaldamento globale e che d’ora in poi potrebbe ripetersi in modo ricorrente. Questo tipo di scioglimento della banchisa antartica non ha conseguenze dirette sul livello del mare, ma crea un’instabilità nel banco di ghiaccio che a sua volta potrebbe innescare una serie di eventi a catena, ancora tutti da studiare.

%d bloggers like this: